Archivi tag: cecenia

El’sa K torna in scena a Tavazzano (Lo)

Annaviva e LattOria presentano la nuova edizione di El’sa K, in scena a Tavazzano, in provincia di Lodi, venerdì 7 dicembre alle ore 21 al teatro Nebiolo.

Lo spettacolo El’sa K di Andrea Riscassi, regia di Alessia Gennari, con Sara Urban e Paola Vincenzi, è collegato all’iniziativa “Un seme di libertà” a cura dell’Associazione Amici del Nebiolo, Commissione Cultura e Annaviva.

Per info e prenotazioni scrivere a info@teatronebiolo.org oppure telefonate al numero 0371 761268 o al 331 9287538

Per saperne di più leggete qui:

Per scaricare la locandina di El’sa K e inviarla ai propri amici basta cliccare qui: ElsaK_Nebiolo_LOCANDINA annaviva teatro

Ci vediamo al Teatro Nebiolo di Tavazzano venerdì 7 dicembre. Non mancate!

Donna non rieducabile. Memorandum teatrale su Anna Politkovskaja

Donna non rieducabile. Memorandum teatrale su Anna Politkovskaja è l’iniziativa di Stefano Massini, curata da Clara Monesi e Sergio Solenghi, del Centro Italiano Ricerche Teatrali I Rabdomanti, e promossa e finanziata dal Settore Biblioteche del Comune di Milano.

Donna non rieducabile. Memorandum teatrale su Anna Politkovskaja è il racconto della famosa giornalista, uccisa a Mosca nel 2006, e delle sue giornate in Cecenia, degli incontri, delle esperienze, delle violenze subite. Il monologo di Anna si tramuta in un’espressione corale in cui le varie voci hanno la funzione di commento e appoggio a ciò che viene detto, come nella tragedia greca.

Donna non rieducabile. Memorandum teatrale su Anna Politkovskaja, con Daniele Bosio, Mauro Melzi, Clara Monesi, Salvatore Novello e Sergio Solenghi, sarà rappresentato il 17 novembre alle 21 alla biblioteca Tibaldi di Milano.

Ingresso libero.
Informazioni: 02.88462920

20121111-221047.jpg

El’sa K a Vigevano per un nuovo emozionante spettacolo

Per tuti coloro che non hanno ancora visto (o vogliono rivedere) la nuova edizione di El’sa K, l’emozionante spettacolo scritto dal giornalista Andrea Riscassi per la regia di Alessia Gennari, l’appuntamento è il 26 ottobre alle ore 21 alla Cooperativa Portalupi, Strada Ronchi 7, Sforzesca (Vigevano). Interpreti dell’allestimento 2012 di El’sa K saranno Sara Urban e Paola Vincenzi.

Dopo il debutto milanese all’Areapergolesi, lo spettacolo El’sa K. arriva a Vigevano, a poche settimane dall’anniversario della morte della giornalista Anna Politkovskaja, assassinata a Mosca il 7 ottobre del 2006. Tra le tante, terribili, storie di ordinaria violenza in Cecenia, raccontate da Anna Politkovskaja, quella della giovane El’sa K. colpisce per la ferocia, l’atrocità, l’insensatezza. In-sensata, senza senso, senza spiegazione, senza motivo, gratuita: ecco come definire la morte di El’sa. Gratuita la sua morte, gratuita l’atrocità con cui la morte è stata perpetrata. Non gratuita, ma necessaria, la scelta di raccontare la sua storia, proprio la sua tra tante. Non gratuita la scelta di descrivere, dettagliatamente, minuziosamente, la violenza con cui il colonnello Budanov e i suoi sottoposti si sono accaniti sul corpo di El’sa. Un corpo di giovane donna violato barbaramente e poi avvolto in una coperta, per nasconderlo, per cancellarlo, per negarlo.

Così spiega lo spettacolo la regista Alessia Gennari e l’Associazione Lattoria che, insieme ad Annaviva, hanno collaborato alla realizzazione del progetto: “Vogliamo che il corpo di El’sa venga disseppellito dalla sua coperta, vogliamo che la sua storia venga alla luce di nuovo, per capirla, per imparare dalla Storia. Vogliamo che il suo ritorno alla luce serva a far uscire dall’oscurità anche tutte le altre storie di ordinaria violenza che sono state perpetrate ai danni delle donne cecene, perpetrate e poi nascoste, avvolte da coltri di indifferenza. Questa storia abbiamo scelto di raccontare, scomponendola in due voci, affinché i punti di vista possano diversamente concorrere a ricostruire l’oggettività degli avvenimenti e soprattutto a dividere i buoni dai cattivi, il male dal bene, il giusto dall’ingiusto. Perché di fronte a un avvenimento come questo, è impossibile, se non criminale, non schierarsi, non prendere posizioni, non gridare a piena voce cosa è giusto e cosa invece non lo è. A far luce lungo il cammino, gli scritti di Anna Politkovskaja e la sua tragica morte, arrivata, troppo presto, a castigare la libertà, a imbrigliare il pensiero, a far tacere la giustizia. Ma anche a trasformarla, involontariamente, in un simbolo. Noi è queste morti, sorelle, gratuite, ingiuste, che vogliamo mettere in scena e mettendole in scena vogliamo commemorarle, perché la loro gratuità si trasformi in necessità. Perché ci possano indicare, più chiaramente, la strada”.
El’sa K ha debuttato con grande successo il 6 ottobre 2011 al Teatro del Borgo di Milano, in occasione dell’anniversario della morte di Anna Politkovskaja.
Le associazioni Annaviva e lattOria si sono incontrate per una prima collaborazione nel marzo 2011, in occasione della lettura del testo Cardo Rosso, di Maddalena Mazzocut-Mis. El’sa K. nasce dall’idea di continuare tale collaborazione. Per l’ottobre 2012 le associazioni hanno previsto la messinscena di una nuova edizione, completamente inedita, dello spettacolo.

Per prenotazioni:
2012elsak@gmail.com
Biglietto intero 10 euro; 7 euro ridotto (soci lattOria)

Processo Pussy Riot, due condanne

Oggi il tribunale di Mosca ha confermato al processo di appello la condanna a due anni per due delle ragazze del gruppo punk Pussy Riot, colpevoli di atto di teppismo aggravate dalla blasfemia. La terza componente, Ekaterina Samucevich, ha visto sospeso il suo verdetto ed è ora in libertà vigilata.  Il nuovo avvocato della ragazza ha sostenuto che la giovane Pussy Riot è stata vicino all’altare della Chiesa del Cristo Redentore per meno di 15 secondi e che è è stata fermata dalla sicurezza subito, prima di saltare, gridare e urlare frasi offensive per i credenti.

Durante il processo, una delle tre Pussy Riot ha definito più volgare, rispetto alla loro esibizione, la frase con cui Putin ha conquistato il consenso nelle elezioni del 2000: “inseguiremo i terroristi fin nel cesso”. L’ex spia del KGB divenne popolare con quella frase per la guerra patriottica contro i ceceni (decine di migliaia i morti, per lo più civili).

Le Pussy Riot oggi in aula si sono dichiarate “prigioniere politiche”. Amnesty le ha, fin dal giorno del loro arresto in carcerazione preventiva, considerate “prigioniere di coscienza”.

FREE PUSSY RIOT

#PussyRiot

Fonte: Andrea Riscassi, Financial Times, EngPussy Riot

Ecco alcune foto del flash mob di Annaviva a Milano:

Anna Politkovskaja. Annaviva ricorda la giornalista a teatro con El’sa K

Mancano pochi giorni al sesto anniversario della morte della giornalista Anna Politkovskaja, uccisa sul portone di casa a Mosca il 7 ottobre 2006. Mentre il mondo aspetta che sia fatta luce sulla vicenda, Annaviva ha deciso di ricordare l’evento con lo spettacolo El’sa K, scritto da Andrea Riscassi, diretto da Alessia Gennari e interpretato da Sara Urban e Paola Vincenzi. El’sa K è la storia di El’sa Kungaeva, giovane cecena stuprata e uccisa dopo essere stata rapita da una pattuglia di soldati russi, guidati dal colonnello Jurij Budanov. Di El’sa Kungaeva, del suo omicidio e della violenza consumatasi sul suo corpo si era a lungo occupata Anna Politkovskaja.

EL’SA K.
di Andrea Riscassi, regia Alessia Gennari, con Sara Urban e Paola Vincenzi, una produzione lattOria/Annaviva
5 ottobre ore 21
6 ottobre ore 18,30 e ore 21
Biglietto unico 13 euro
Areapergolesi – via G.B. Pergolesi 8, Milano
Per info e prenotazioni: 2012elsak@gmail.com

La replica di sabato 6 alle 18,30 sarà anticipata da una tavola rotonda di approfondimento sulla situazione in Russia e in Cecenia. L’incontro avverrà alle ore 17.30 (con ingresso libero).

Intanto godetevi questa clip dell’attrice Sara Urban che legge Anna Politkovskaja:

EL’SA K. torna in scena per ricordare Anna Politkovskaja

El’sa K, lo spettacolo che l’anno scorso ha incantato il pubblico milanese, torna in scena all’Area Pergolesi per ricordare l’omicidio della giornalista Anna Politkovskaja, uccisa sul portone di casa il 7 ottobre 2006. El’sa K è stato scritto dal giornalista Andrea Riscassi e allestito da lattOria. Quest’anno si ripropone in una nuova e inedita veste quindi, se avete già visto lo spettacolo l’anno scorso, potrete trovare importanti novità!

Ecco una frase per ricordare El’sa K e Anna Politkovskaja:

“Ma, alla fine, che cosa avrei combinato? Ho scritto ciò di cui sono stata testimone. E basta. Sorvolo espressamente sulle altre ‘gioie’ della strada che mi sono scelta. Il veleno nel tè. Gli arresti. Le lettere minatorie. Le minacce via internet e le telefonate in cui mi avvertono che mi faranno fuori. Quisquilie. L’importante è avere l’opportunità di fare qualcosa di necessario”. Anna Politkovskaja

EL’SA K.
di Andrea Riscassi, regia Alessia Gennari, con Sara Urban e Paola Vincenzi, una produzione lattOria/Annaviva
5 ottobre ore 21
6 ottobre ore 18,30 e ore 21
Biglietto unico 13 euro
Areapergolesi – via G.B. Pergolesi 8, Milano
Per info e prenotazioni: 2012elsak@gmail.com

Inoltre vi ricordiamo  la possibilità a partecipare a una tavola rotonda di approfondimento sulla situazione in Russia e in Cecenia. L’incontro avverrà sabato 6 alle ore 17.30 (con ingresso libero).

Vi attendiamo numerosi!!!

Leggete il comunicato completo cliccando qui

El’sa K, la nuova edizione a Milano il 5 e il 6 ottobre

Annaviva e lattOria, dopo il successo di pubblico e di critica del 2011, tornano a teatro insieme con una nuova e inedita edizione di El’sa K. Lo spettacolo andrà in scena a Milano, all’Area Pergolesi (via Pergolesi 8) venerdì 5 ottobre alle ore 21 e sabato 6 ottobre alle ore 18,30 e alle ore 21. La replica del 6 ottobre delle 18,30 sarà preceduta alle 17,3o da una tavola rotonda con le associazioni Annaviva e lattOria sulla questione cecena, la figura di Anna Politkovskaja e lo spettacolo. L’ingresso è gratuito.

El’sa K è un’opera teatrale, scritta da Andrea Riscassi per la regia di Alessia Gennari, con Sara Urban e Paola Vincenzi. Racconta la vicenda di El’sa Kungaeva, giovane cecena stuprata e uccisa dopo essere stata rapita da una pattuglia di soldati russi, guidati dal colonnello Jurij Budanov. Di El’sa Kungaeva, del suo omicidio e della violenza consumatasi sul suo corpo si era a lungo occupata Anna Politkovskaja, la giornalista russa assassinata il 7 ottobre 2006 a Mosca sul portone di casa. In questo spettacolo, El’sa e Anna tornano a vivere sul palcoscenico: attraverso le loro parole, rivivono i frammenti del conflitto russo-ceceno, insieme alle implicazioni politiche e sociali di quella guerra ancora latente.

Biglietto unico: 13 euro
Per info e prenotazioni: 2012elsak@gmail.com

Per saperne di più, leggete il comunicato stampa: comunicato El’sa K Areapergolesi annaviva lattoria

Seguite l’evento anche su Facebook. Cliccate qui e partecipate numerosi

Identità islamica in crescita in Cecenia

Diana Markosian, Special for USA TODAY

SERZHEN-Yurt, Cecenia – Seda Makhagieva, 15 anni, ha dovuto lottare per indossare l’hijab, un foulard che alcuni musulmani dicono deve essere indossato dalle donne e le giovani ragazze. “La mia famiglia, in un primo momento, non mi aveva permesso di indossarlo,” dice la ragazzina cecena con il capo e il collo avvolti da una sciarpa color pastello, che nascondono ogni ciocca dei suoi lunghi capelli castani. “Dicevano che ero troppo giovane. Mia madre batteva me e mia sorella ogni giorno, ma non mi importava: io sono musulmana, ed è mio dovere indossarlo”. La metà delle ragazze della classe di nono grado di Seda nel villaggio ceceno di Serzhen-Yurt, nei pressi della capitale cecena Grozny, ora indossa l’hijab. Una rottura netta con la tradizione locale. Nelle generazioni passate, le donne sposate in Cecenia tenevano coperti i capelli solo con un piccolo foulard a forma di triangolo in segno di rispetto e pudore. Ma queste ragazze fanno parte di una nuova tendenza nella repubblica che ha visto due guerre negli ultimi decenni e un aumento del rispetto di norme musulmane fondamentaliste. Alcuni musulmani stanno combattendo contro di esse. “Io non volevo che indossassero l’hijab. Ho insistito, urlato e le ho persino picchiate“, ha detto la madre di Seda, Rosa Makhagieva di 45 anni, le cui tre figlie vestono tutte quante con larghi vestiti modesti. “Mio marito era contro di me. Diceva:«Se non consenti a loro di indossarlo, costringerò anche te a metterlo!»”. Anche se l’Islam arrivò nel Caucaso del Nord circa 500 anni fa, decenni di repressione religiosa sotto il comunismo hanno reso difficile mettere in pratica. Ora le moschee sono piene di fedeli ogni giorno, e l’hijab sta diventando sempre più popolare. Molti ceceni stanno accogliendo il risveglio islamico dopo quasi due decenni di brutale guerra contro le truppe russe in cui sono stati uccisi circa 200.000 ceceni. Per i ceceni più giovani, l’Islam sta diventando la pietra angolare dell’identità, in sostituzione degli orrori che hanno vissuto, come –per esempio – la vita toccata in sorte ai rifugiati che vivono in tende e supermercati abbandonati nelle repubbliche confinanti del Dagestan e dell’Inguscezia. “Questa generazione ha perso la sua infanzia a causa della guerra”, ha detto l’imam Yasrayel Ayubov di Serzhen-Yurt, che ha nove moschee per i suoi 5.000 residenti. “La loro formazione è stata interrotta, e sono cresciuti durante la notte. Eppure, riguardo all’Islam, i giovani sono molto più istruiti e attenti rispetto alla generazione precedente.” Da quando, nel 2007, è stato nominato dal Cremlino leader ceceno, Ramzan Kadyrov, 35 anni, ha cercato aggressivamente di presentare la Cecenia come la nuova emergente regione musulmana della Federazione Russa. Il suo governo ha avviato una campagna aggressiva per promuovere l’Islam e per rafforzare le tradizioni cecene. In tutta la Repubblica stanno spuntando fuori decine di moschee e istituzioni islamiche, mentre le stazioni televisive locali stanno accrescendo il volume della programmazione dedicata alla identità islamica della Cecenia. “Oggi la Cecenia si posiziona attivamente non solo come una parte relativamente autonoma della Federazione Russa, ma anche come centro musulmano”, ha detto l’analista russo Nikolai Petrov del Carnegie Moscow Center. Nonostante la separazione tra Chiesa e Stato in base al diritto russo, le scuole cecene ora devono promuovere l’Islam. Ci sono aule di preghiera in quasi ogni scuola e un rigoroso codice di abbigliamento, che costringe tutte le studentesse a coprirsi il capo a scuola. Molti non condividono queste decisioni. “Non ne capisco il senso. Non cambia nulla se ci si copre la testa a scuola”, ha detto Khadizhad Barshigova, 14 anni, che ama ascoltare la musica pop e guardare commedie americane. Il processo di islamizzazione in principio è stato spontaneo. Le donne che indossavano il velo sono stati premiate con un premio. Ora tutte le donne e le ragazze, a prescindere dalla loro religione, devono rispettare il codice d’abbigliamento islamico, indossando un copricapo, maniche lunghe e gonne sotto il ginocchio nelle scuole pubbliche e negli edifici governativi. Coloro che si rifiutano diventano bersagli. Human Rights Watch ha pubblicato un rapporto che documenta un’ondata di attacchi contro le donne senza copricapo, l’anno scorso. Alcune ragazze hanno riferito di essere state molestate, alcuni anche percosse, per non aver osservato il codice di abbigliamento islamico. L’alcol adesso è vietato a tutti, e le autorità incoraggiano a prendere più mogli. Nei saloni per capelli e nelle palestre la divisione di sale per soli uomini e sale per sole donne sta diventando la norma. Molti musulmani qui si oppongono a quella che chiamano un’interpretazione errata della legge islamica. “Non tutti hanno reagito bene”, ha detto l’insegnante Malika Taramova, 20anni. “Ora gira la voce che presto tutti gli insegnanti dovranno indossare un hijab. I miei genitori mi hanno detto che mi proibiranno di lavorare ancora, se questo accadrà davvero”. All’interno della palestra del liceo di Seda, un gruppo di ragazzi palleggia con un pallone da basket mentre quattro ragazze vestite con lunghe gonne fluenti e con le teste avvolte in sciarpe li osservano con sguardo assente dagli spalti. “Ragazze, non dovete restarvene lì – grida Vakha Dzhamarzaev, allenatore nella palestra della scuola. “Su, andiamo!”. Seda e le altre tre ragazze ridacchiano come se avessero scambiato l’ora in palestra per un’ora di gossip. “È sempre più difficile insegnare loro”, ha detto Dzhamarzaev. “Le ragazze non indossano le loro uniformi da ginnastica perché si sentono a disagio assieme ai ragazzi. Questo non è mai accaduto prima”. Nella caffetteria della scuola, le ragazze discutono di ragazzi e Islam. Poche hanno l’ambizione di andare al college o farsi una carriera. Però tutte hanno fidanzati stabili che sono “veri” musulmani. “Ti raccontiamo un segreto”, mi dice Khedi Konchiyeva, 15 anni, a bassa voce. “Ci piacciono i ragazzi, ma seguiamo le regole dell’Islam. Allah ci ringrazierà nella prossima vita”.

Trad. di Massimo Ceresa

http://www.usatoday.com/news/world/story/2012-03-21/chechnya-islamic-revival/53693048/1

Le donne cecene terrorizzate da un ritorno dei delitti di onore islamici sostenuti dal Presidente.

di Diana Markosian – Special to The Washington Times

29 Aprile 2012

ACHXOY-Martan, Cecenia – Il governo ceceno è apertamente a favore delle famiglie che uccidono i parenti di sesso femminile che violano il loro onore. Così questa repubblica della Federazione Russa abbraccia un’interpretazione fondamentalista dell’Islam, dopo decenni di repressione religiosa sotto il regime sovietico.

Negli ultimi cinque anni, i corpi di decine di giovani donne cecene sono stati trovati gettati nei boschi, abbandonati nei vicoli e lasciati lungo le strade della capitale Grozny, e dei villaggi vicini.

Il Presidente ceceno Ramzan Kadyrov ha detto pubblicamente che le donne morte erano di “facili costumi” e sono state giustamente uccise dai parenti maschi. Ha continuato a descrivere le donne come proprietà dei loro mariti, dicendo che il loro ruolo principale è quello di fare figli.

“Se una donna va in giro e se un uomo va in giro con lei, entrambi dovrebbero essere uccisi“, ha detto Kadyrov, che spesso ha dichiarato che il suo obiettivo è rendere la Cecenia “il più islamico tra i Paesi islamici”.

Nella Cecenia di oggi, l’alcol è del tutto vietato, sono stati introdotti codici di abbigliamento islamico e i matrimoni poligami sono incentivati dal governo.

Alcuni osservatori dicono che il tentativo di Kadyrov di imporre la legge islamica viola la Costituzione russa, che garantisce la parità dei diritti per le donne e la separazione tra Stato e Chiesa.

“Siamo una società tradizionale e conservatrice, ma il governo ha esagerato”, ha detto Lipkhan Bazaeva, responsabile del Centro Dignità delle Donne, un’organizzazione non governativa che promuove i diritti delle donne a Grozny. “Stanno mettendo dei limiti inaccettabili ai diritti delle donne: come individuo, la donna non ha alcun diritto, anche se il marito la picchia, nonostante le leggi russe.”

Anche se gli osservatori concordano sul fatto che i delitti d’onore sono in aumento in Cecenia, la questione rimane in gran parte tabù tra i locali – è molto difficile trovare delle statistiche ufficiali.

“Si sente parlare di questi casi quasi ogni giorno” ha detto un difensore dei diritti umani del posto, che ha chiesto di non rivelare il suo nome poiché ha paura per la sua sicurezza. “È difficile per me indagare su questo argomento, ma su di esso ho lavorato con [l’attivista per i diritti umani] Natasha [Estemirova] per un po’. Ma, ora non posso più farlo. Ho troppa paura ora. Ho quasi rinunciato”.

Estemirova, che ha irritato le autorità cecene con le sue denunce di torture, rapimenti e uccisioni extragiudiziali, è stata trovata morta nei boschi nel 2009 nella vicina Inguscezia con ferite da arma da fuoco alla testa e al torace. Il suo assassino o gli assassini non sono stati trovati.

Pochi osano sfidare apertamente la legge del signor Kadyrov. Ma gli attivisti sostengono che alcune giovani donne musulmane lo fanno clandestinamente, ponendosi in un tiro costante di guerra tra due sistemi di valori.

Milana, una studentessa che frequenta la nona classe a Grozny, mette uno spesso delineatore per occhi, indossa minigonne strette, fuma sigarette ed esce coi ragazzi: tutte cose vietate per una ragazza musulmana in Cecenia. Ha detto di aver sentito molte volte da suo padre: una ragazza cecena che perde la verginità prima del matrimonio è una prostituta, e Allah la punirà. “Se solo i miei genitori sapessero alcune delle cose che ho fatto!” dice con una risatina. “I miei genitori sono troppo severi con me, ma è come qui.”

Gli analisti dicono che uscire o vedersi con persone del sesso opposto può essere una via di fuga per gli adolescenti come Milana, che spesso vivono una doppia vita. “È grande la tentazione di rompere con la tradizione quando sono lontani dalle loro famiglie”, ha detto la signora Bazaeva. “Hanno un buon momento, ma non è senza conseguenze, non in Cecenia”.

In questo piccolo villaggio ceceno, i residenti parlano della ragazza che è stata uccisa ai primi di febbraio dopo aver trascorso una notte in casa del suo ragazzo. Il corpo della sedicenne è stato avvolto in un tappeto tradizionale e riportato a casa di sua madre. I suoi parenti sono sospettati di averla uccisa in nome dell’onore della famiglia.

Per sfuggire a questi severi costumi, alcuni giovani optano per un matrimonio precoce, che vedono come il via di fuga per l’indipendenza, l’attività sessuale e il rispetto sociale. Questo vale anche per i giovani uomini ceceni. Abu-Khadzh Idrisov, 20 anni, che si era sposato era ancora adolescente l’ha sperimentato sulla sua pelle, ha detto. Il suo primo matrimonio all’età di 14 anni è durato appena un anno. Poi si è sposato una seconda volta a 18 anni. Aveva visto la sua futura moglie in un parco a Grozny e, con l’aiuto dei suoi amici, l’aveva rapita. “Quando l’ho sposata, onestamente sapevo solo due cose: il suo nome e la scuola dove studiava. Avevamo parlato insieme solo una volta”, ha ricordato. “Ma noi abbiamo tradizioni e regole estremamente severe in Cecenia, e non si può semplicemente ignorarle. Io porto il nome della mia famiglia, e se lo vengono a sapere, avrò problemi”.

Trad. di Massimo Ceresa

http://www.washingtontimes.com/news/2012/apr/29/chechen-women-in-mortal-fear-as-president-backs-ho/?utm_source=RSS_Feed&utm_medium=RSS