Archivi tag: teatro

Anna Politkovskaja. Annaviva ricorda la giornalista a teatro con El’sa K

Mancano pochi giorni al sesto anniversario della morte della giornalista Anna Politkovskaja, uccisa sul portone di casa a Mosca il 7 ottobre 2006. Mentre il mondo aspetta che sia fatta luce sulla vicenda, Annaviva ha deciso di ricordare l’evento con lo spettacolo El’sa K, scritto da Andrea Riscassi, diretto da Alessia Gennari e interpretato da Sara Urban e Paola Vincenzi. El’sa K è la storia di El’sa Kungaeva, giovane cecena stuprata e uccisa dopo essere stata rapita da una pattuglia di soldati russi, guidati dal colonnello Jurij Budanov. Di El’sa Kungaeva, del suo omicidio e della violenza consumatasi sul suo corpo si era a lungo occupata Anna Politkovskaja.

EL’SA K.
di Andrea Riscassi, regia Alessia Gennari, con Sara Urban e Paola Vincenzi, una produzione lattOria/Annaviva
5 ottobre ore 21
6 ottobre ore 18,30 e ore 21
Biglietto unico 13 euro
Areapergolesi – via G.B. Pergolesi 8, Milano
Per info e prenotazioni: 2012elsak@gmail.com

La replica di sabato 6 alle 18,30 sarà anticipata da una tavola rotonda di approfondimento sulla situazione in Russia e in Cecenia. L’incontro avverrà alle ore 17.30 (con ingresso libero).

Intanto godetevi questa clip dell’attrice Sara Urban che legge Anna Politkovskaja:

EL’SA K. torna in scena per ricordare Anna Politkovskaja

El’sa K, lo spettacolo che l’anno scorso ha incantato il pubblico milanese, torna in scena all’Area Pergolesi per ricordare l’omicidio della giornalista Anna Politkovskaja, uccisa sul portone di casa il 7 ottobre 2006. El’sa K è stato scritto dal giornalista Andrea Riscassi e allestito da lattOria. Quest’anno si ripropone in una nuova e inedita veste quindi, se avete già visto lo spettacolo l’anno scorso, potrete trovare importanti novità!

Ecco una frase per ricordare El’sa K e Anna Politkovskaja:

“Ma, alla fine, che cosa avrei combinato? Ho scritto ciò di cui sono stata testimone. E basta. Sorvolo espressamente sulle altre ‘gioie’ della strada che mi sono scelta. Il veleno nel tè. Gli arresti. Le lettere minatorie. Le minacce via internet e le telefonate in cui mi avvertono che mi faranno fuori. Quisquilie. L’importante è avere l’opportunità di fare qualcosa di necessario”. Anna Politkovskaja

EL’SA K.
di Andrea Riscassi, regia Alessia Gennari, con Sara Urban e Paola Vincenzi, una produzione lattOria/Annaviva
5 ottobre ore 21
6 ottobre ore 18,30 e ore 21
Biglietto unico 13 euro
Areapergolesi – via G.B. Pergolesi 8, Milano
Per info e prenotazioni: 2012elsak@gmail.com

Inoltre vi ricordiamo  la possibilità a partecipare a una tavola rotonda di approfondimento sulla situazione in Russia e in Cecenia. L’incontro avverrà sabato 6 alle ore 17.30 (con ingresso libero).

Vi attendiamo numerosi!!!

Leggete il comunicato completo cliccando qui

El’sa K, la nuova edizione a Milano il 5 e il 6 ottobre

Annaviva e lattOria, dopo il successo di pubblico e di critica del 2011, tornano a teatro insieme con una nuova e inedita edizione di El’sa K. Lo spettacolo andrà in scena a Milano, all’Area Pergolesi (via Pergolesi 8) venerdì 5 ottobre alle ore 21 e sabato 6 ottobre alle ore 18,30 e alle ore 21. La replica del 6 ottobre delle 18,30 sarà preceduta alle 17,3o da una tavola rotonda con le associazioni Annaviva e lattOria sulla questione cecena, la figura di Anna Politkovskaja e lo spettacolo. L’ingresso è gratuito.

El’sa K è un’opera teatrale, scritta da Andrea Riscassi per la regia di Alessia Gennari, con Sara Urban e Paola Vincenzi. Racconta la vicenda di El’sa Kungaeva, giovane cecena stuprata e uccisa dopo essere stata rapita da una pattuglia di soldati russi, guidati dal colonnello Jurij Budanov. Di El’sa Kungaeva, del suo omicidio e della violenza consumatasi sul suo corpo si era a lungo occupata Anna Politkovskaja, la giornalista russa assassinata il 7 ottobre 2006 a Mosca sul portone di casa. In questo spettacolo, El’sa e Anna tornano a vivere sul palcoscenico: attraverso le loro parole, rivivono i frammenti del conflitto russo-ceceno, insieme alle implicazioni politiche e sociali di quella guerra ancora latente.

Biglietto unico: 13 euro
Per info e prenotazioni: 2012elsak@gmail.com

Per saperne di più, leggete il comunicato stampa: comunicato El’sa K Areapergolesi annaviva lattoria

Seguite l’evento anche su Facebook. Cliccate qui e partecipate numerosi

Salone del Mobile e Dostoevskij

Inizia oggi, in concomitanza con il Salone del Mobile di Milano, la rappresentazione di MEMORIE DAL SOTTOSUOLO – A PROPOSITO DELLA NEVE FRADICIA, liberamente tratto dal romanzo dell’autore russo Fedor Dostoevskij al Teatro Salone del capoluogo lombardo. Lo spettacolo, che sarà in scena fino al 6 maggio, è stato prodotto da CRT Centro di Ricerca per il Teatro in collaborazione con le belle bandiere, regia di Marco Sgrosso. “La prima volta che ho incontrato in scena la scrittura forte e appassionata di Fedor Dostoevskij – racconta il regista – è stato in occasione dell’allestimento de Gli occhi dei matti, tratto da L’idiota. In seguito, per molto tempo la teatralità potente delle sue visioni e il fascino irresistibile dei suoi personaggi hanno continuato ad esercitare su di me un desiderio costante di confronto. Mi sono quindi rituffato nell’atmosfera dei ‘tormenti e tormentucoli’ e nell’indagine sulle ossessioni-illuminazioni dell’individuo, scegliendo il suo romanzo forse più ‘intimo’ e teatrale, Le memorie del sottosuolo. L’analisi crudele di Dostoevskij, in un crescendo di emozione, ci restituisce il ritratto di un uomo che si confronta con la sua meschinità di sentimenti e con la sua incapacità di amare, interrogandosi senza pietà sul senso profondo di un’etica interiore. Come attore mi ha intrigato il ritratto di questa creatura sofferente e sgradevole, ‘eroe o pezzo di fango’, arreso all’assenza di ogni speranza e ad una celebrazione così totale della propria disistima da risultare amaro e grottesco oltre che repellente. E mi ha riempito di interrogativi il racconto senza respiro di questa crisi interiore che sfocia in una tenerezza spinosa, spiraglio luminoso aperto alla compassione e a un timido gesto d’amore“.

Per gli amici e i clienti della Libreria Tadino, i giorni delle repliche del giovedì (19 aprile, 26 aprile e 3 maggio) sarà possibile acquistare due biglietti al prezzo di € 8,00 l’uno (invece  che € 16,00). Basta stampare la newsletter e presentarla in segreteria.

Altri appuntamenti sono il 29 aprile alle 11,30 al Museo del Novecento per un incontro con i protagonisti di Memorie dal sottosuolo e il 2 maggio alle 19 al Teatro Salone, quando il regista incontrerà il pubblico insieme al professor Fausto Malcovati. Evento organizzato dall’Associazione Italia-Russia e dal CRT Centro di Ricerca per il Teatro.

Milano, César Brie e la compagnia di Karamazov incontrano il pubblico

Mercoledì 11 aprile alle 18 l’attore e regista teatrale César Brie, insieme alla sua compagnia e al professor Fausto Malcovati, docente di storia del teatro russo all’Università degli studi di Milano, faranno un incontro al Teatro Elfo Puccini del capoluogo lombardo.

L’evento, organizzato in collaborazione con l’Associazione Italia Russia, sarà legato allo spettacolo di César Brie in scena dal 10 al 22 aprile al teatro milanese, Karamazov, liberamente tratto da I Fratelli Karamazov di Fëdor Dostoevskij. La rappresentazione, secondo il metodo di Brie, si costruisce in progress, grazie a un lavoro collettivo di improvvisazione, elaborazione drammaturgica, montaggio e smontaggio dei materiali per arrivare a rappresentare con leggerezza poetica e densità di emozioni la commedia umana, tragica, farsesca e ridicola dei Karamazov.

L’incontro è a ingresso libero.